Seguici:

Prestito diretto

Prestito diretto

Visto lo stato di emergenza sanitaria nazionale, l’accesso in Biblioteca è soggetto al rispetto delle prescrizioni anti Covid-19.
Leggi qui le modalità di accesso 

 

Il prestito diretto è un servizio gratuito, disciplinato dal Regolamento recante norme sulle biblioteche pubbliche statali (D.P.R 5 luglio 417/1995) e dal Regolamento interno.

Chi può usufruire del servizio
Sono ammessi al prestito una volta compiuto il diciottesimo anno di età:
– i residenti in Friuli Venezia Giulia;
– i cittadini italiani, i cittadini della Comunità europea, della Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano e i cittadini extracomunitari in grado di documentare un domicilio in territorio regionale;
– gli studenti stranieri che partecipano al progetto “Erasmus” limitatamente al periodo di tirocinio previsto;
– i residenti nelle zone limitrofe e in Istria, tenuto conto delle specificità storico/culturali locali e in favore della diffusione della cultura italiana.

Qualunque variazione dei dati dell’utente abilitato al servizio (domicilio, residenza, telefono, mail) va comunicata agli addetti dell’Ufficio prestito o segnalata all’indirizzo bs-scts.prestito@beniculturali.it.

Leggi le regole del trattamento dei dati.

Come funziona il servizio
Per chiedere in prestito il materiale bibliografico è necessario possedere la tessera della Biblioteca ed essere abilitati ai suoi servizi. La tessera, comune a tutte le biblioteche aderenti al Polo SBN del Friuli Venezia Giulia, viene fornita dagli addetti al servizio esibendo un valido documento d’identità. Se si possiede già, è sufficiente procedere con l’abilitazione ai servizi della Biblioteca.
Per i minorenni è necessaria l’autorizzazione scritta dei genitori. Le persone con difficoltà motorie, anche temporanee, o di età superiore ai 70 anni possono usufruire del prestito delegando per iscritto un sostituto.
È disponibile al prestito il patrimonio bibliografico a stampa della Biblioteca, esclusi i manoscritti, le edizioni con data di pubblicazione anteriore al 1950, le edizioni rare o di pregio, le carte geografiche, le incisioni, le stampe, i periodici, i “grandi formati”, le opere di consultazione generale (dizionari, enciclopedie ecc.), le collezioni speciali, tutto il materiale che necessita di interventi di legatoria o restauro e i documenti che, a giudizio del bibliotecario, possono subire dei danni in rapporto al loro stato di conservazione. Si possono ottenere in prestito fino a 5 opere (per un massimo di 7 volumi). Il prestito ha la durata di 30 giorni. Alla scadenza, in assenza di prenotazioni da parte di altri utenti, è possibile rinnovarlo per ulteriori 30 giorni

Orari (iscrizione, richieste, restituzioni)
Lunedì-giovedì dalle 8.30 alle 18.15; venerdì e sabato dalle 8.30 alle 13.15

Prenotazione
Si possono prenotare i libri fino a 5 opere (per un massimo di 7 volumi):
– attraverso il portale BiblioEst, cliccando sul titolo desiderato;
– scrivendo a bs-scts.prestito@beniculturali.it;
– telefonando ai numeri 040 300725 – 307463.

La prenotazione va effettuata entro le ore 13 per ritirare i volumi in giornata; dopo questo orario, il materiale è disponibile dalle ore 10 del mattino successivo.

Torna all'inizio dei contenuti