Seguici:

Studio Luttazzi live e on line sul portale Internet Culturale

Eventi, In evidenza    0 Commenti     19/03/2021

Studio Luttazzi è il percorso espositivo permanente dedicato alla vita e all’attività di Lelio Luttazzi, celebre musicista e uomo di spettacolo.

A partire da venerdì 6 agosto lo spazio è visitabile solo ai possessori della certificazione verde COVID-19, come stabilito dal Decreto-legge 23 luglio 2021, n.105
Il codice QR Code del certificato (in versione cartacea o digitale) sarà verificato dal personale con l’app VerificaC19.
Maggiori informazioni a questo link: https://www.dgc.gov.it/web/   

Studio Luttazzi è aperto da lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00, previa prenotazione:
📧 scrivendo a bs-scts.info@beniculturali.it
☎️ telefonando ai numeri 040 300725 – 307463
Nel rispetto delle prescrizioni anti Covid-19, le visite sono consentite ad un massimo di sette persone alla volta.

A chi non avesse la possibilità di raggiungere la Biblioteca per vedere dal vivo il percorso espositivo o a chi volesse approfondire la conoscenza dell’attività artistica del Maestro Luttazzi, l’Istituto è lieto di annunciare che è disponibile la sua versione digitale sul portale Internet Culturale, curato e diretto dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (ICCU).
Grazie al progetto “Mostre bibliografiche virtuali per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo”, finanziato dal Ministero della cultura e avviato dall’ICCU, sarà finalmente accessibile a tutti la variegata collezione che, attraverso manoscritti musicali, letterari e cinematografici, partiture, lettere, dischi, fotografie, riviste, premi, oggetti personali, materiali audiovisivi e libri, racconta la vivacità artistica, l’ironia, lo stile e la sensibilità di un vero e proprio simbolo della musica e dello spettacolo italiani.
NAVIGA nella collezione digitale

  • Il portale Internet Culturale è stato sviluppato alla fine degli anni Novanta del Novecento dalla Direzione generale biblioteche dell’attuale Ministero della cultura per far conoscere il prezioso patrimonio digitalizzato e conservato presso biblioteche statali, pubbliche e di prestigiose istituzioni culturali italiane.

 

Torna all'inizio dei contenuti